I bambini italiani sono troppo sedentari

Solo il 9,5% dei bambini e dei ragazzi italiani effettua almeno 1 ora al giorno di attività fisica moderata come raccomandato dal World Health Organization per assicurare una buona fitness cardiorespiratoria.
Insieme al Portogallo e alla Grecia l’Italia si colloca ai più bassi livelli europei.
I rischi per la salute dei nostri giovani sono molto consistenti e dovrebbero richiamare l’attenzione delle nostre istituzioni, a cominciare dalla scuola che potrebbe avere un ruolo primario nella riduzione della sedentarietà.

(Santos – Lozano A et al. – Born to run: our future depends on it. Lancet 390, 635-36, 2017)

Ci sono ancora destra e sinistra?

Alcuni oggi sostengono che sia superata la distinzione tra sinistra e destra di governo, principalmente in quanto i problemi della moderna società più che le ideologie vengono sentiti dai popoli e chiunque li risolva raccoglie il consenso. Tutto ciò è vero ed è sempre stato vero, ma è proprio sul modo di affrontare i problemi che a mio avviso interviene l’impostazione filosofica e culturale della politica.

In altri termini io credo che il governo di sinistra in particolare non possa prescindere da alcune impostazioni ideologiche che sempre si sono verificate nella storia recente e che a mio avviso la conducono inesorabilmente al fallimento. Ecco le principali. Continue reading

Che succede alla nostra Sanità?

I crescenti costi della diagnosi e delle cure, i trattamenti inappropriati e poco utili, gli errori medici e organizzativi, ma anche le disparità tra area ed area del Paese, la stretta economica indiscriminata, la crescente burocrazia, gli scarsi investimenti sulle strutture, sull’organizzazione, sul personale e sulla sua preparazione e motivazione, sull’educazione sanitaria della popolazione stanno mettendo a serio rischio il nostro Servizio Sanitario e ne stanno modificando la natura, i principi e i risultati.

Continue reading